Pubblicato da: carlas73 | 9 maggio 2008

Perchè “RInascita”

Breve spiegazione del titolo dell’unico (per ora) album fotografico.
L’assoluto protagonista è la mia piccola peste, come credo si possa facilmente immaginare: la sua nascita è stato un insieme di massima felicità ed estremo sconforto. Come si può notare anche dalle foto, l’inizio è stato parecchio traumatico: per lui che incoscientemente ha subìto cose che non credo siano facilmente immaginabili su bimbi piccoli di 4 giorni di vita, e per noi che invece le abbiamo dovute accettare per la sua salute e la sua vita stessa contro qualsiasi aspettativa di un neogenitore alla prima esperienza.
Si dice sempre “la cosa più naturale e più bella del mondo”, ma quando accadono situazioni particolari, come è capitato a noi, l’universo intero cade addosso e l’unica cosa che si vorrebbe fare è urlare il proprio grido di rabbia e dolore: il problema è che non ci si rende conto di quello che c’è intorno a noi fino a quando non lo viviamo sulla nostra pelle, eppure abbiamo sempre troppo spesso la presunzione di essere a conoscenza di tutto.
Chi sa quanti bambini nascono con malformazioni congenite, e qual’è la loro aspettativa di vita e soprattutto la qualità della vita che aspetta loro ed i loro genitori?
Ammetto che io per prima, che ho avuto la fortuna/sfortuna di avere un figlio affetto da una malformazione congenita rara (vedi www.megacolon.it e http://www.ospedalebambinogesu.it/Portale2008/Default.aspx?IDitem=117&IDon=131) non sono a conoscenza di queste informazioni: ma una cosa la posso dire, soprattutto per aver visto genitori con bimbi ricoverati nello stesso reparto dove stava Claudio, la sofferenza che ho vissuto e sentito lì dentro difficilmente può essere superata completamente, anche se il figlio sopravvive e cresce “quasi” normalmente.
Ed è quello che stiamo affrontando: ad oggi, 2 anni e 3 mesi di vita del nostro nanetto (conclusi proprio l’altro giorno) stiamo a quota 5 ricoveri, di cui 2 con intervento, 2 soli negli ultimi 6 mesi per “sospetta” enterocolite, per un complessivo numero di quasi 4 mesi di vita “rubati” alla nostra famiglia.
E nessuno mi venga a dire che è tutto normale, o che sono cose che capitano o altro: lasciatemi nella mia rabbia! Che viene però addolcita dalla sua risata quando gli faccio il solletico……
Dedico la mia rabbia al mio nanetto, ma anche a Pasquale che non ce l’ha fatta ed a Riccardino che solo da poco ha iniziato a vedere la fine del tunnel.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Categorie

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: